top of page

La vista dei rapaci notturni

Buongiorno amici,


la vista è un argomento molto tecnico, ma cercherò di semplificarlo, cosi che possiate appassionarvi in modo crescente sui rapaci notturni e sono convinta che resterete rapiti anche dalle loro caratteristiche morfologiche, che li rendono macchine da caccia perfetti.

La vista nei gufi e il senso più esclusivo ed efficace, importanza evidenziata anche dalle dimensioni degli occhi, molto grandi rispetto al cranio che favoriscono una ampia concentrazione in termini di intensità di luce.


Occhi centrali e grandi in Gufo reale


L’iride dei gufi si contrae e si dilata vistosamente a seconda del momento della giornata, durante la notte o con la luminosità diurna.

Nella retina troviamo in abbondanza i bastoncelli e un numero inferiore di coni, rispetto all’uomo, questi caratteri permettono una notevole capacità visiva notturna.

Come molti predatori, i rapaci notturni hanno una visione binoculare dovuta alla disposizione degli occhi frontale e non laterale come molti volatili e con una potente capacità visiva tridimensionale che le permette di stabilire con precisione le distanze da prede e oggetti.

La posizione centrale e la grandezza degli occhi accentuano il fattore emozionale del genere umano evidenziando un fenomeno abbastanza noto: la zooantropomorfia. Questo significa di fatto che i rapaci notturni sono in grado di esercitare sull'uomo un grande fascino e appeal, superiore alla maggior parte degli altri animali.

Gli occhi sono a forma tubolare abbastanza allungata, sono fissi e non possono ruotare, protetti da un astuccio cartilagineo.

Non potendo ruotare gli occhi, la testa ha una mobilita che le permette di ruotare il capo sino a 270°, dandole la possibilità di difendersi e cacciare.


La capacità di ruotare la testa a 270°, di oscillare in verticale e orizzontale è una peculiarità degli Strigiformi


Avere il collo iper - flessibile permette al rapace notturno di mettere a fuoco e allargare il campo visivo, con movimenti oscillatori e rotatori che per gli adulti sono funzionale per le battute di caccia, mentre per i giovani servono per esercitarsi nel imparare le proprie capacità visive.


La membrana nittitante di un Gufo reale


Gli occhi dei rapaci notturni sono dotati oltre alle due palpebre superiore e inferiore anche di una terza palpebra chiamata nittitante, utile per proteggere gli occhi durante la caccia, spesso attivate per la polvere o sabbia alzate durante scontro contro la preda, oppure durante l’alimentazione dei nidiacei, spesso con basi di appoggio molto polverose.


Voglio consigliarvi un libro che mi aiuta molto nella mia formazione professionale, SULLE TRACCE DEI GUFI (Noctua book edizioni) scritto da Marco Mastrorilli, mio caro amico ed è anche l'ornitologo più famoso in Italia per quanto concerne le ricerche sui rapaci notturni, con oltre 20 libri pubblicati sull'argomento e un canale Youtube che si chiama Gufotube.



Vi faccio, un regalo speciale, a tutti i seguaci di Terra Incantata e del gruppo Facebook che ho fondato I segreti dei gufi potete comprare il libro Sulle Tracce dei gufi e altri libri editi (ne troverete molti altri sui rapaci) da Noctua Book li potete aver con lo sconto del 15% andando nel sito www.noctuabook.com ed inserendo il codice sconto MARCO15


disponibile anche il mio libro con la favola illustrata da mia figlia Vally per averlo in offerta scrivete a info@terraincantata.it




Un saluto da Maura e dalla Terra Incantata!

1.174 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page