top of page
  • Immagine del redattoreMaura

I recenti avvistamenti di Aquila reale nei cieli della Valcuvia e sono davvero casi straordinari?

Aggiornamento: 1 ago 2021

Ciao a tutti, oggi vogliamo parlarvi delle aquile reali e in particolare del loro habitat.

In primis, vogliamo rassicurare tutti coloro che ci hanno scritto: il Nostro Tengri è ancora con noi e si sta godendo l’arrivo della primavera, come gli altri abitanti della Terra Incantata.




Veniamo ora all’argomento di oggi. Dovete sapere infatti che questo non è il primo avvistamento fatto tra le Prealpi Varesine negli ultimi anni, ma non c’è da stupirsi in fondo. L’Aquila Reale è una presenza stabile lungo tutto l’arco alpino e prealpino prediligendo zone rocciose e comprensori ricchi di pascoli e praterie. Sebbene preferisca quote superiori agli 800 metri di altezza non è difficile trovarla in zone pedemontane e persino in pianura durante i voli erratici. Il territorio di caccia di ogni aquila può arrivare fino ai 500 chilometri quadrati, implicando quindi anche grandi distanze percorse tra il nido e il luogo di predazione.

Guardando in cielo può essere inizialmente difficile capire, per un occhio meno esperto, se ci si trova di fronte ad un aquila o a una comune poiana. Un primo indizio può essere la dimensione, avendo l’Aquila reale una mole ben superiore rispetto alla più consueta cugina; un altro aspetto utile al riconoscimento può essere ritrovato nella colorazione del piumaggio pettorale: se la poiana presenta una colorazione più chiara e screziata, l’aquila reale ha invece un piumaggio più scuro e omogeneo.

Non dobbiamo quindi stupirci nel vedere una maestosa Aquila Reale solcare i nostri cieli, ma essere felici del fortunato avvistamento.



Ringraziamo Tiziano Zennaro per averci fornito le sue splendide foto scattate nella zona del passo del Cuvignone.

208 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page